Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

La mostra distribuita è stata rodata in occasione dell’edizione torinese di Kaktos nel 2017 quando, nonostante la pioggia insistente, un gruppo di appassionati ha seguito con l’ombrello e per oltre due ore la botanica Laura Guglielmone attraverso un percorso tra i tavoli degli espositori sui quali erano stati posti, in bella vista, alcuni esemplari particolari delle loro collezioni. Ognuna di quelle piante fu raccontata da Laura con dovizia di particolari scientifici e note di curiosità.

Abbiamo pensato di ripetere l’iniziativa per questa importante occasione, grazie alla preziosa disponibilità del caro amico Bruno Magnani, persona di consumata esperienza nello studio e nella coltivazione delle succulente, a cui sarà affidato il ruolo di guida della mostra distribuita.

Le persone interessate a partecipare sono pregate di riunirsi all’ora prestabilita presso il gazebo Social Kaktos, da dove partirà il percorso guidato.

La mostra distribuita si terrà sia il sabato sia la domenica alle ore 12, ma solo se aderiranno almeno cinque persone.

 

Bruno Magnani
Bruno Magnani
Dottore in scienze dell’Informazione, il suo interesse per le tecnologie digitali si accompagna da sempre con quello per i viaggi, la natura, le piante ed i libri.
Nei primi anni ‘90, sviluppa un interesse specifico per i cactus del sud ovest degli USA, che negli anni successivi lo porta ad approfondire, attraverso lo studio ed una serie di viaggi, le conoscenze sulla flora succulenta dell’ Arizona, New Mexico e del Texas.
Partecipa attivamente alla vita della comunità di appassionati in Italia e all’estero con l’obiettivo di diffondere la conoscenza delle piante succulente attraverso l’organizzazione di eventi e conferenze, la pubblicazione di articoli sui siti e sulle riviste di settore e la collaborazione alla stesura di libri dedicati alla coltivazione.
Appassionato coltivatore, si dedica in particolare alla propagazione di cactus rari da seme e alla sperimentazione di metodi di coltivazione naturale. In mancanza di una serra o di un ambiente dedicato, ha riempito tutti gli spazi disponibili della sua casa di Roma con cactus ed altre piante spinose, in alcuni casi mettendo seriamente a repentaglio l’incolumità degli altri membri della famiglia.