Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Questa edizione romana di Kaktos è stata dedicata alle “Piante agli antipodi dell’acqua”, a indicare tutte quelle forme vegetali che sono state in grado di colonizzare quegli ecosistemi in cui l’acqua è carente (deserti, volta forestale) oppure presente in eccesso (paludi e laghi).

Si tratta spesso di ecosistemi fragili, minacciati dalle attività umane e, negli ultimi decenni, dai cambiamenti climatici globali: un problema divenuto quanto mai attuale.

Fabio Attorre, ecologo impegnato in numerosi progetti per la conservazione della biodiversità nel mondo, terrà una relazione su quanto i cambiamenti climatici stiano incidendo sugli ecosistemi fragili e in particolare in Sudafrica, patria di moltissime specie di piante succulente.

 

Fabio Attorre
Fabio AttorreDirettore, Orto botanico di Roma

Curriculum

Fabio Attorre vanta una profonda conoscenza dei diversi ecosistemi e delle problematiche ambientali maturata in oltre quindici anni di esperienze in programmi di cooperazione ambientale in diversi hotspot della biodiversità del mondo (Arcipelago delle Galapagos – Ecuador, arcipelago di Socotra – Yemen, aree protette dell’Albania, Grande area transfrontaliera del Limpopo – Sudafrica, Mozambico, Zimbabwe, Papua Nuova Guinea).

Specializzazioni

Applicazione di modelli spaziali nella valutazione dello stato di conservazione di specie e habitat, a supporto della gestione delle aree protette e per la valutazione dell’impatto dei cambiamenti climatici e delle specie aliene sugli ecosistemi.

Approccio didattico all’ecosistema per la conservazione della biodiversità (MSc in Eco-Biologia, Sapienza Università di Roma) GIS e mappatura tematica (Master in Scienze Naturali, Sapienza Università di Roma).

Collabora con gruppi di lavoro nazionali e internazionali impegnati nella valutazione dello stato di conservazione degli habitat e elaborare strategie di conservazione efficaci (Coalition for Fragile Ecosystems).

Campi di ricerca

Coordinatore scientifico del progetto SECOSUD II (http://www.secosud2project.com/): “Conservazione ed uso equo della diversità biologica nella regione SADC: dal sistema di informazione geografica (GIS) al Sistema di supporto decisionale sistemico spaziale (SSDSS) “. Coordinatore scientifico del progetto NaturAl (http://www.natura.al):” Conservazione della biodiversità in Albania attraverso una migliore gestione delle sue aree protette e la base per la futura implementazione della rete europea Natura 2000 “. Coordinatore scientifico di un unità operativa del CS-Mon Life Project (http://www.csmon-life.eu): utilizzando un approccio citizen science sulla biodiversità in Italia.